Borneo

Come già fatto tempo fa per lo stile polinesiano, quest’oggi cercheremo di spiegare nel modo più semplice e intuitivo possibile, alcune fondamentali nozioni che riguardano il tatuaggio nella zona del Borneo. Le sue antichissime origini hanno inizio con le tribù dei Dayaki. Nel borneo coloro che eseguivano i tatuaggi erano sia uomini che donne, queste ultime erano molto apprezzate e rispettate nella società. Nelle tribù Iban invece, i tatuaggi erano prettamente maschili, ed oltre ad avere un valore estetico, erano simbolo di virilità, di appartenenza tribale, di coraggio.

Nell’immagine sopra viene riportata una dei più classici soggetti che rappresentano questo stile. Originariamente la rosa del borneo veniva tatuata sui guerrieri degni di importanti riconoscimenti ottenuti in battaglia. La posizione stessa, dove veniva tatuata (davanti o dietro le spalle), aveva un significato altamente simbolico.

I metodi con cui venivano tatuati, erano altamente “primitivi” rispetto i  tradizionali. Generalmente venivano utilizzati aghi di diversa misura, fissati su martelletti, i quali entravano sotto pelle e rilasciavano il pigmento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: