Nicola: Carattere deciso

23 febbraio 2010

Quest’oggi vogliamo parlarvi di Nicola. Cliente e amico ormai di vecchia data, si è presentato in negozio per  l’ennesima seduta. Proseguire con qualcosa di nuovo il suo “massiccio tatuaggio”.

Lo stile di questo tattoo è davvero personale, anche se le origini hanno una vena decisamente Heavy Metal. Il carattere deciso e forte di Nicola convive in perfetta simbiosi con i disegni sul suo corpo, essi raccontano i momenti più importanti della sua vita e di sicuro possiamo affermare che non seguano le mode, ma portano avanti con costanza un stile di vita.

Nota di colore: I due soggetti sul petto di Nicola sono stati presi come spunto da un album dei Blind Guardian

Annunci

Samuele Polacco: nuova brochure

20 febbraio 2010

Ecco la brochure di Samuele. Cliccando l’immagine è possibile ingrandire.

Vi ricordiamo che se voleste contattare Samuele: 346-6211763


Il dopo Milano Tattoo Convention

13 febbraio 2010

Premessa: Mi occupo di gestire il blog di Roberto, e con questo voglio chiarire ai nostri lettori che non sono un tatuatore, amo questo mondo, ma lo vivo con occhi ben diversi da quelli di un professionista che passa intere giornate a disegnare sulla pelle dei propri clienti. Questa premessa per far capire che questo articolo, come per altri è scritto da un ragazzo come voi, che vede per la prima volta cose a lui sconosciute 🙂 Posso immaginare quindi, che per Roberto sia stata una giornata piacevole, ma non certo sconvolgente come lo è stata per me, quindi se utilizzo troppo enfasi nei miei brevi racconti, ricordatevi che non sono gli occhi esperti e veterani del nostro tatuatore a scrivervi, ma quelli di un novizio alle prime esperienze.

Bellissimo! Questo è il primo aggettivo che userei se dovessi descrivere il pomeriggio passato quest’oggi a Milano. Quattro ore senza sosta, cercando di guardare più cose possibili, ammirando artisti che solo in televisione avevo visto, restando a bocca aperta nel vedere utilizzare tecniche usate nella tradizione Giapponese e Polinesiana, e perchè no, anche scrutando qualche pin-up (che non guasta mai). E così, abbiamo riempito la giornata nei corridoi del centro congressi AtaHotel Quark. Robi (già veterano di queste manifestazioni), ne ha approfittato  per riempire lo zaino di materiale e fare scorte per i prossimi mesi, io invece con gli occhi sgranati, come un bambino nel paese dei balocchi!


Pin-Up che passione

8 febbraio 2010

Ogni portale web di tatuaggi che si rispetti, ha bisogno di una propria pin-up. Zona Tattoo ha il piacere di conoscere Sara, una cara amica e cliente. Di lei abbiamo già parlato diversi mesi fa, presentando il suo tatuaggio che rappresenta tradizione e innovazione allo stesso tempo. Il termine pinup, lo abbiamo adottato noi per lei, in realtà Sara lavora come attrice di teatro e pochi giorni fa ci ha portato queste sue bellissime foto.

Un pò di storia: Con il termine di pin-up (termine di lingua inglese traducibile con da appendere) si indicano generalmente le ragazze – solitamente procaci, ammiccanti e sorridenti – fotografate in costume da bagno le cui immagini, durante il secondo conflitto mondiale, iniziarono a diffondersi su molte riviste settimanali degli Stati Uniti. Questo fenomeno attirò in maniera sempre maggiore l’attenzione soprattutto dei lettori uomini, e in particolare registrò un incredibile successo fra i soldati impegnati al fronte, che usavano appendere le fotografie di queste ragazze nei loro armadietti o nelle loro tende di accampamento.